Aragosta - Elenco ingredienti. Ricette cucina con aragostaL’aragosta (Palinurus elephas) è un crostaceo di medie dimensioni, di lunghezza variabile tra i 20 e i 50 cm, che può pesare fino ad 8 kg.
È’ rivestita da una corazza resistente, di colore generalmente rosso con sfumature sul viola.
La corazza è divisa in due diversi parti: il carapace, cioè la parte anteriore, che è particolarmente sviluppata, similmente a quella del granchio.
In questo tratto della corazza, l’aragosta è coperta da spine e le sfumature diventano più tendenti al blu.

Il carapace è a sua volta suddiviso in cefalotorace e addome (formato da sei sezioni mobili), rispettivamente la parte anteriore e quella posteriore.
Nella parte posteriore si trova invece la coda a ventaglio, che si apre quando l’aragosta deve spostarsi nuotando, rigorosamente all’indietro (come i gamberi).
Differentemente da altri crostacei, l’aragosta non ha le chele; ha però due lunghe antenne gialle-rosse utilizzate sia come organi di senso che come mezzo di difesa.
Alla base di queste si trovano acuminate spine, e fino alla bocca è rivestita da appendici pelifere che, insieme alle antenne, formano l’apparato tattile.

L’aragosta è un animale sedentario che vive in grandi gruppi, sul fondale marino, preferibilmente roccioso o algoso, a circa 150 m di profondità; essa si nutre di altri animali marini come gamberettispugne o anellidi, ma anche di alghe e plancton.
L’aragosta è molto diffusa nell’oceano Atlantico, ma si può trovare anche nel Mar Mediterraneo.

L’aragosta non ha le chele ma gambe con le quali cammina. A differenza di altre specie acquatiche, il nostro crostaceo può arrivare a vivere anche 70 anni e durante tutta la vita non smette mai di crescere.

La grande qualità delle carni dell’aragosta erano apprezzate fin dall’antichità: nei vivai pompeiani si trovano mosaici rappresentanti questo animale in diversi momenti; tra questi mosaici viene rappresentata una scena di un’aragosta che lotta contro un polpo (suo nemico naturale).
In epoca romana l’aragosta era generalmente denominata “locusta”, ed era ritenuta un cibo molto prezioso, ma altrettanto indigesto: era infatti consigliabile cuocerla in acqua e aceto, così da alleggerirla.
Al giorno d’oggi, sia l’aragosta che il granchio, hanno significato di incostanza, per il loro movimento instabile e talvolta immotivato.

ACQUISTO

Il mercato vende le aragoste generalmente vive, ma le si può trovare anche fresche surgelate; è comunque consigliabile comprarle vive, così che il sapore, già delicato, non subisca alterazioni.

 

CONSERVAZIONE

Le aragoste sono molto delicate per cui se vengono comprate fresche devono essere consumate in un paio di giorni.

 

USO IN CUCINA

Nonostante sia una specie protetta (Convenzione di Berna), la carne dell’aragosta è molto ricercata, perché pregiata quanto gustosa.
La ricetta più tradizionale vede l’aragosta protagonista di un sugo semplicissimo, così da esaltarne il delicato ma gustoso sapore della carne: il sugo che ne deriva, viene arricchito generalmente con vino bianco o prezzemolo.
L’aragosta può altresì essere ingrediente di secondi piatti, piuttosto che di un antipasto: si evita di arricchirla di salse o condirla eccessivamente, così che non ne venga coperto il gusto.

Ricchissima di proteine, l’aragosta è apprezzabile anche per l’apporto calorico: essa è altresì ricca di sali minerali (come il calciopotassiosodio e fosforo) e vitamine, soprattutto la A, la B1 e la B2.
L’aragosta è ritenuta un cibo afrodisiaco, come le ostriche, per il modo in cui si assume: risulta infatti difficile cibarsene con le posate, obbligando i commensali a consumarla con le mani, succhiandone alcune parti, come la coda.

 

CURIOSITA’

Vi sono delle aragoste dal colore blu: sono però molto rare, tanto che se ne può trovare una ogni 4 milioni.
Nel periodo della muta, cioè in cui l’aragosta cambia corazza, l’animale è indifeso e deve trascorrere un periodo nascosto in un ambiente sicuro, generalmente identificato con la sua tana.


Vai alla pagina degli ingredienti oppure leggi le ricette con aragosta.

ARAGOSTA
Categoria  Prodotti della pesca
Codice Alimento  128050
Nome Scientifico  Palinurus elephas

 
COMPOSIZIONE CHIMICA E VALORE ENERGETICO PER 100 g DI PARTE EDIBILE
Composizione chimica valore per 100 g Note
Parte edibile (%): 29
Acqua (g): 78.1
Proteine (g): 16
Lipidi(g): 1.9
Colesterolo (mg): 70
Carboidrati disponibili (g): 1
Amido (g): 0
Zuccheri solubili (g): 1
Fibra totale (g): 0
Fibra solubile (g): 0
Fibra insolubile (g): 0
Alcol (g): 0
Energia (kcal): 85
Energia (kJ): 355
Sodio (mg):
Potassio (mg):
Perc. Prot. 75
Perc. Lipidi 20
Perc. Carb. 5
Perc. Alcol 0
Ferro (mg): 0.8
Calcio (mg): 60
Fosforo (mg): 280
Magnesio (mg): 19
Zinco (mg): 2.2
Rame (mg): 0.4
Selenio (µg): 54
Tiamina (mg): 0.15
Riboflavina (mg): 0.18
Niacina (mg): 2
Vitamina A retinolo eq. (µg): tr
Vitamina C (mg): tr
Vitamina E (mg):

 
COMPOSIZIONE IN AMMINOACIDI
Composizione mg/100 g di parte edibile g/100 g Proteine Note
Proteine(%):       16
Lisina: 1262 7.89
Istidina: 299 1.87
Arginina: 1326 8.29
Acido aspartico: 1728 10.8
Treonina: 730 4.56
Serina: 816 5.1
Acido glutamico: 2499 15.62
Prolina: 701 4.38
Glicina: 1045 6.53
Alanina: 1072 6.7
Cistina: 202 1.26
Valina: 765 4.78
Metionina: 466 2.91
Isoleucina: 746 4.66
Leucina: 1387 8.67
Tirosina: 580 3.63
Fenilalanina: 645 4.03
Triptofano:
Indice Chimico:
Aminoacido limitante:

 
COMPOSIZIONE IN ACIDI GRASSI
Composizione g/100 g di parte edibile
Lipidi totali(%):       1.9
Saturi totali (%): 0.63
C4:0÷C10:0 0
C12:0 0
C14:0 0
C16:0 0.38
C18:0 0.13
C20:0 tr
C22:0 0
Monoinsaturi totali (%): 0.51
C14:1 0
C16:1 0
C18:1 0.32
C20:1 0
C22:1 0.06
Polinsaturi totali (%): 0.7
C18:2 0
C18:3 0
C20:4 0
C20:5 0.25
C22:6 0.44
Rapporto Polinsaturi/Saturi: 1.1