ll Migliaccio Napoletano, assieme alle Chiacchiere, è il dolce tipico di Carnevale della Campania. Se le prime sono presenti con denominazioni e varianti differenti un po’ in tutto lo Stivale, il Migliaccio Napoletano è invece caratteristico proprio del territorio campano. Viene preparato tradizionalmente per Carnevale, il martedì grasso, e in occasione della Pasqua.

Ha origini antichissime, addirittura si pensa che già nell’anno mille vi fosse una preparazione nel periodo della Quaresima molto simile a questo dolce. Tuttavia, il Migliaccio Napoletano è cambiato sensibilmente nel corso della sua lunga vita. Innanzitutto un tempo esso era fatto di miglio e all’interno del proprio impasto prevedeva la presenza di sangue di maiale, , da cui il nome Migliaccio Tuttavia, nel ‘700 il sangue di maiale venne sostituito dallo zucchero di canna, in quanto l’utilizzo del sangue veniva considerato un rito pagano dalla Chiesa Cattolica. Nel corso dei secoli, anche il suo ingrediente primario, il miglio, ha ceduto il posto alla semola.

Gli ingredienti utilizzati per il migliaccio sono gli stessi che si trovano nel ripieno della sfogliatella napoletana, per questo motivo il dolce, in alcune zone della Campania, è conosciuto anche come “sfogliata”.

L’attuale ricetta del Migliaccio Napoletano pertanto prevede il semolino in luogo del miglio e, naturalmente, lo zucchero al posto del sangue di maiale. In pratica il Migliaccio Napoletano è una torta dolce il cui impasto è composto da semolino, uova, latte, acqua, zucchero, vanillina e ricotta.

Come capita per tanti dolci regionali di memoriale tradizione, anche per il migliaccio non esiste la ricetta originale, ma ogni famiglia tende a seguire quella che di generazione in generazione si tramanda. La mia ricetta ( con più precisione, la ricetta della mia mamma)  si discosta un poco da quella “originale”, ho apportato qualche piccola modifica aggiungendo un po’ di crema pasticcera.
Il risultato finale è sorprendente, un delicatissimo dolce con una connotazione di rustico data dalla lieve crosticina che si forma in superficie. Per donare un aroma ancor più intenso e ricco al migliaccio si usa aggiungere, a scelta, del liquore strega o limoncello.